Monthly Archives: August 2013

genio-marketing-arrotino

Un Genio del Marketing: L’Arrotino

È arrivato l’arrotino.
Arrota coltelli, forbici, forbicine, forbici da seta, coltelli da prosciutto!
Donne, è arrivato l’arrotino e l’ombrellaio; aggiustiamo gli ombrelli; l’ombrellaio, donne!
Ripariamo cucine a gas: abbiamo i pezzi di ricambio per le vostre cucine a gas.
Se avete perdite di gas, noi le aggiustiamo; se la cucina fa fumo, noi togliamo il fumo della vostra cucina a gas.
Lavoro subito, immediato.
È arrivato l’arrotino!

genio-marketing-arrotino

Sì, forse non ho nulla di meglio da fare. Sì, forse dovrei farmi una vita oltre il lavoro. Fatto sta, che oggi, sentendo per l’ennesima volta la classica registrazione dell’arrotino del mio quartiere (peraltro, uguale a quella di tutti gli arrotini d’Italia), ho concluso che l’arrotino è un genio del marketing.

Volo pindarico? Esagerazione? Continua a leggere…

 

È arrivato l’arrotino.

Già dalla prima frase, veniamo a conoscenza di ciò che ci interessa: l’arrotino è arrivato. Non perdiamo tempo a leggere quegli inutili papponi metafisici che non arrivano mai al dunque. Sappiamo cosa è successo, immediatamente, e possiamo gestire questa informazione.

Arrota coltelli, forbici, forbicine, forbici da seta, coltelli da prosciutto!

L’apoteosi del SEO. Una serie di keyword, tutte belle piazzate lì, per chiarire la mission aziendale. Dalle più generiche, alle più specifiche, senza dimenticare quelle sottili variazioni che fanno tutta la differenza quando si punta alla “coda lunga” (forbici, forbicine).

Donne, è arrivato l’arrotino e l’ombrellaio; aggiustiamo gli ombrelli; l’ombrellaio, donne!

Il personaggio c’è, la sua mission pure. Adesso, si individua il target: le donne. Vengono chiamate subito, con un vocativo all’inizio della frase, per attirare meglio l’attenzione. In più, si introduce una nuova componente dell’offerta, la riparazione ombrelli, per ingolosire ancora di più i potenziali acquirenti. In chiusura, ci si lancia in una nuova esortazione al target, complemento di una perfetta struttura a chiasmo.

Ripariamo cucine a gas: abbiamo i pezzi di ricambio per le vostre cucine a gas.

Altro mini-capolavoro di ottimizzazione dei testi in chiave SEO. Si individua il fulcro della frase e lo si pone all’inizio, perché è la prima informazione che interessa all’ascoltatore. Tale informazione, è poi arricchita di particolari importanti, tenendo sempre a mente di ripetere le keyword principali.

Se avete perdite di gas, noi le aggiustiamo; se la cucina fa fumo, noi togliamo il fumo della vostra cucina a gas.

Si continua con l‘elenco delle funzionalità del prodotto-arrotino, individuando un problema e fornendo prontamente la soluzione. Così, si rassicura un cliente! Anche qui non manca la ripetizione delle keyword, poste all’inizio e alla fine della frase. Il messaggio promozionale non può fare a meno di sedimentarsi nella mente dell’ascoltatore.

Lavoro subito, immediato.

Siamo in chiusura. Sarebbe mai potuta mancare la dichiarazione del vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti? Senza dilungarsi in inutili perifrasi arzigogolate, si viene a sapere che la velocità è l’elemento di differenziazione dell’offerta dell’arrotino, che non manca pure di rimarcare il concetto con parole diverse (Oh, amato SEO!) a favore di una maggiore incisività.

È arrivato l’arrotino!

Chiusura a chiasmo anche nella macrostruttura testuale. Si ripete la frase d’apertura contenente la presentazione del prodotto-offerta ai consumatori anelanti, solo con maggiore enfasi.

Dimmi quello che vuoi, ma secondo me l’arrotino è un genio del marketing.

 

E tu che ne pensi? Fammelo sapere nei commenti!

 

Foto del post di Emanuele su Flickr.